Acque reflue

Consulenza neutrale d'adempimento dell' articolo sui grandi consumatori

L'articolo sui grandi consumatori di energia (AGC)è stato, risp. sarà applicato nella maggiore parte dei Cantoni. L’AGC riguarda tutti i grandi consumatori ovvero quegli stabilimenti il cui consumo di corrente superi i 0,5 GWh o i cui consumi di energia termica superino i 5 GWh. Esistono tre varianti per l'adempimento dell'articolo sui grandi consumatori:

- Accordo universale sugli obiettivi (AUO)

- Accordo cantonale sugli obiettivi (ACO)

- Analisi del consumo energetico (ACE)

Se gli IDA e AI scelgono le varianti cantonali ACO e ACE e non hanno una figura professionale di accompagnamento, gli operatori possono all'occorrenza chiedere il supporto di InfraWatt in particolare per rispettare i requisiti dell' articolo sui grandi consumatori. Per questo articolo InfraWatt ha elaborato delle raccomandazioni per IDA e AI.

Nuovo programm d'incentivazione teleriscaldamento con recupero di calore dalle acque di scarico                                                                              Grazie al nuovo programma d’incentivazione, i teleriscaldamenti possono beneficiare da subito dei medesimi incentivi ma a condizioni molto semplificate. È attualmente in elaborazione l’estensione del programma d’incentivazione per teleriscaldamento con impianti a legna, pompe di calore, calore residuo industriale, calore da IIRU o per l’ampliamento di reti.            

 Aiuti finanziari per le misure per il risparmio di elettricità                              Il programma "Impianti di depurazione energeticamente efficienti" ha lo scopo di incentivare misure concrete che permetteranno di realizzare dei risparmi di elettricità come pure analisi energetiche.

Punto di partenza per tutti gli impianti di depurazione: l’analisi globale       Gli impianti di depurazione sono importanti per la protezione dei nostri corsi d’acqua. A questo scopo tali impianti necessitano di un' ingente quantità di energia che è maggiore di quella necessaria per tutte le scuole dei nostri comuni. Gli impianti di depurazione generano però importanti quantità di energia rinnovabile grazie al biogas , ai fanghi di depurazione e alle acque reflue. Inoltre, attualmente un progetto di InfraWatt al vaglio del UFE, sta indagando la possibilità di spostamenti di carico e di vendita.

La maggior parte degli impianti di depurazione svizzeri stanno già eseguendo delle valutazioni al fine di definire delle misure energetiche. Visto che le tecnologie si trovano in fase di continuo sviluppo, molti degli impianti di depurazione dispongono di un ulteriore potenziale energetico. Uno studio dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) giunto a termine nel 2012 ha determinato che l’importazione di energie elettrica straniera può essere ridotta del 40%. Tramite un’analisi di massima un imprenditore può rapidamente scoprire se il suo impianto è stato sviluppato secondo le più recenti tecnologie o se esistono potenzialità di sviluppo energetico. L’analisi globale permette anche di effettuare un riesame delle misure energetiche effettuate di modo che l’analisi possa essere utilizzata come base per le relazioni annuali.

Nel caso che per l’impianto di depurazione siano previsti risanamenti o ristrutturazioni o se dovessero emergere opportunità concrete per aumentare l’efficienza energetica, sarebbe interessante eseguire un’indagine mirata ed un’ottimizzazione delle misure specifiche di identificazione. A questo scopo l’analisi di dettaglio si è dimostrata valida perché ha evidenziato le misure concrete da effettuare, illustrato i costi ed i risparmi possibili e l’efficienza economica degli impianti. L’analisi di dettaglio viene rinnovata ogni cinque anni. Sulla base di questa analisi un imprenditore può decidere se e come intervenire sul proprio impianto e realizzare un piano dei costi. L’analisi di dettaglio si è dimostrata importante nella pratica:

  • Nella maggior parte degli impianti di depurazione si trovano potenziali di miglioramento dell‘ efficienza energetica. I costi dell’energia possono essere ridotti fino al 50 %.
  • Dalle proposte evidenziate dalle analisi energetiche emergono in genere dei potenziali di risparmio.
  • I costi delle analisi energetiche si ammortizzano nella maggior parte dei casi nel giro di meno di un anno.
  • Le misure finanziate a livello nazionale per ridurre il consumo di energia sono: la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili tramite la RIC e il recupero di calore delle acque reflue tramite certificati di CO2.

 

Produrre elettricità dal biogas vale la pena
In Svizzera, gli impianti di depurazione delle acque sono grandi produttori di elettricità, generano oltre 100 milioni di kWh di elettricità rinnovabile dai gas di depurazione. Tale valore corrisponde al consumo di elettricità di circa 50'000 abitanti. L'elettricità ricavata dai gas di depurazione ha un bilancio ecologico ottimo e può ricevere il marchio "naturemade star".

L’energia elettrica prodotta da questi impianti può essere utilizzata dall’operatore stesso per i suoi impianti o essere rivenduta come energia verde. Le turbine a gas o BHKW stanno per essere sostenute finanziariamente con contributi di investimento previsti fino al 20%. Grazie a questa compensazione la conversione in elettricità di tutti i gas prodotti dalle acque reflue o dalla costruzione di nuovi impianti ad alta efficienza diventa nuovamente redditizia. InfraWatt fornisce informazioni sullo stato attuale della RIC, sulle procedure di autorizzazione e sulle compensazioni.

Fanghi di depurazione
I fanghi di depurazione sono fonte di energia rinnovabile Grazie all’utilizzo  dei fanghi di depurazione, nei cementifici possono essere eliminati i combustibili fossili e ridotte le emissioni di CO2. Inoltre, può essere fornita energia termica rinnovabile a inceneritori o mono-inceneritori tramite il teleriscaldamento.

In futuro, il fosforo contenuto nei fanghi di depurazione deve essere recuperato (vedi IVA del UFAM). Per la scelta dello smaltimento di fanghi di depurazione il tema energetico gioca un ruolo molto importante. Per questa ragione abbiamo sviluppato un tool con il quale può essere calcolato individualmente il bilancio energetico per un impianto di depurazione e allo stesso tempo confrontati i vari metodi di smaltimento di rifiuti.

Biogas                                                                                                               I gas di depurazione possono essere utilizzati all’interno degli impianti di smaltimento rifiuti o di depurazione stessi. L’iniezione nella rete di gas naturale è sensata solo per grandi impianti di depurazione perché a questo scopo sarebbe necessario costruire un impianto di preparazione per il quale deve essere utilizzata energia supplementare. InfraWatt consiglia ai responsabili degli impianti di depurazione di considerare, durante il processo di valutazione e elaborazione del concetto energetico, di soddisfare il proprio fabbisogno tramite le energie rinnovabili o il calore residuo a disposizione.

"Médaille d'eau"                                                                                            Il premio "Médaille d'eau" viene assegnato ogni cinque anni agli impianti di trattamento delle acque che si sono dimostrate attente al dispendio energetico. Nel 2013 furono consegnati a Berna ben 24 premi per impianti di depurazione (vedi News).  I criteri principali per l’assegnazione sono il comportamento responsabile ed energeticamente sostenibile, l’attuazione dell’analisi energetica ed in particolare l’attuazione delle misure energetiche. 

Utilizzo di calore dalle acque reflue (per ulteriori informazioni vedi (Calore residuo)                                                                                                           Gli impianti di depurazione possono coprire il loro fabbisogno energetico tramite il calore residuo degli impianti stessi. Gli impianti però possiedono tramite questo calore residuo delle fonti energetiche che potrebbero riscaldare interi quartieri al di fuori dell’impianto stesso. Se nelle zone limitrofe all’impianto si trovassero degli acquirenti varrebbe la pena di valutare se vendere questo calore come per esempio fa l’impianto di depurazione di Morgental a Steinach/Arbon. In questo caso l’energia superflua non sfruttata dall’impianto stesso viene utilizzata nel vicinato.

AllegatoDimensione
2017_Liste Fachleute_Seminar_Energieeffiziente_ARA.pdf101.54 KB
2015_Liste Fachleute_Seminar_Energieeffiziente_ARA.pdf182.38 KB
Grandi consumatori_2015_it.pdf243.58 KB